.
Annunci online

 
robivecchipoeti 
il blog del poeta Lamberto Sabatini
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 
  cerca

 

Lamberto Sabatini è di origine marsicana.
A Roma dal 56, ha lavorato nella rottamazione fino all’età di cinquant’anni,quando ha iniziato a scrivere.
Tra le prime esperienze ha partecipato e vinto premi come “Il Natale a Perugia”, il “Solarium” di Catania per due volte consecutive, ed “Il Sud un poeta” a Caserta.
E’ stato invitato a declamare i suoi lavori alla “Sala dei Notari”
di Perugia, alla “Sala della Borsa” di Catania, al Teatro Tenda ed all’Isola del Cinema in Roma, alla Biblioteca di Chiaravalle, alla Festa dell'Unità di
Roma (2003).
Lamberto Sabatini ha scritto. Pietre bianche e pietre nere,RSB Editrice 1988; Sudania, Firenze Libri 1991; Via della ruggine sulla lampadina, Piero Manni 1997; Camionisti a Romantica, Editrice Ianua 2000; Giratari, Editrice Ianua 2002; La Marsicana, Editrice Ianua, 2002; La luna in portafoglio, Editrice Europ.e, 2006; Di versi   a   Di versi, Editrice Europ.e, 2007.
Più volte presente nell’Annuario della Poesia curato da Giorgio Manacorda, dove ha ricevuto l’attenzione di Renzo Paris, Matteo Marchesini e Fabrizio Bajec e dello stesso Manacorda che nel 97 collocava la sua “Ruggine” tra ‘I migliori’ dell’anno.
Di Sabatini hanno parlato numerosi giornalisti, critici e poeti come A. Toni, Antonio Veneziani, Nicola Ciampitti, Sarina Aletta, Agostino Raff, Augusto Pantoni; ed intorno alle sue poesie sono spontaneamente sgorgate diverse iniziative della strada della scuola e del lavoro.


 

diario | prolusione |
 
Diario
76411visite.

21 febbraio 2017

Aielli



Aielli

se chi t'interroga è una pianta,

liquidità

"Petrolio" di Pasolini;

se è il mercato,

M1  M2

Emme tre.

Navi d'oil alla fonda,

le mongolfiere sono arrivate

al cielo di Cartesio,

"Produzione di derivati

a mezzo derivati".

Al rifugio nella grande pausa

dell'elica gigante

assenti nel mondo quadrante,

quelli della terra inoccupata.

Poi dalla porta del vento

il ciclo dell'onda: per

le giuste patrie del

rosso pungente, per

il verde sognante

dei traders.

Aielli

casetta della posta

vicina al sole,

ora che ci sei

non è così

se te ne vai.

Colors, puri

ma non li pensi

i fiorellini minimi

vividi e fedeli

dal vero intensi?

Rumors da rumori,

ma non le senti

quanto da confini belle

le prediche al monte

delle pale eoliche,

vicino alla metafora

la gamma delle emme

a far da mamma?

Aielli

ma non ti pare

engulfing scasimoidea,

arbeit macht frei,

l'endiade di cielo e mare

come di cielo e danno,

da cartolarizzare?


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. casetta della posta

permalink | inviato da fiat 683 il 21/2/2017 alle 10:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
gennaio        marzo